cute esigente, shampoo addolcente (hair routine p/e)!

La bellezza dei capelli passa anche dalla cute, una concetto da spot pubblicitario che io condivido pienamente. Perché non può esserci una bella chioma senza una cute sana: prurito, secchezza e desquamazione sono segnali che qualcosa non va, non si sa come ma per qualche motivo i delicati equilibri che ci governano sono stati alterati.
Molto spesso ad un fenomeno come la “forfora” (parola decisamente sgradevole come il concetto stesso della desquamazione) si reagisce in maniera sbagliata orientandosi verso detergenti con tensioattivi molto aggressivi che contribuiscono ad alterare ulteriormente gli equilibri già precari di cui sopra. La maggior parte degli shampoo in commercio associano il concetto di forfora a quello di capelli grassi, ma non sempre è così: anche una cute secca e sensibile può tendere a desquamare ed in tal caso questo tipo di detergenti sono deleteri. 
Una volta capite realmente le proprie necessità si è fatto già il 50% del lavoro: l’altra metà consiste nel trovare dei prodotti che sposino le nostre esigenze.
Io sono in fissa con gli shampoo addolcenti, l’avrete capito, ossia che uniscono tensioattivi delicati ad ingredienti lenitivi, emollienti ed idratanti.
Nel mio peregrinare per vari e-commerce, mi sono imbattuta nello Shampoo Addolcente Canapa e Cipresso di Verdesativa ed ho pensato potesse fare al caso mio!
 
gli shampoo
 
WP_20160724_12_27_09_ProSHAMPOO ADDOLCENTE CANAPA E CIPRESSO VERDESATIVA  ml 200  €9,50 circa
INCI – Aqua; Disodium Coco-Glucoside Citrate; Caprylyl/Capryl Glucoside; Sodium Chloride; Disodium Cocoamphodiacetate; Sodium Coco-Glucoside Tartrate; Sodium Lauroyl Glutamate; Lauryl Glucoside; Aloe Barbadensis leaf Extract; Althaea Officinalis root Extract; Calendula Officinalis flower Extract; Cucumis Sativus fruit Extract; Tilia Cordata Extract; Verbascum Thapsus Extract;  Cannabis Sativa Seed Oil; Chondrus Crispus Extract; Sodium Dehydroacetate; Cedrus Atlantica Bark Extract; Citrus Aurantium Dulcis Peel Oil; Juniperus Communis fruit extract; Cinnamomum Cassia Extract, Cupressus Sempervirens Oil; Lactic Acid; Glycerin; Ascorbic Acid; Ascorbyl Palmitate; Tocopheryl Succinate; d-Limonene.
 
Il mio istinto non mi ha tradita, almeno non completamente!
Lo shampoo si presenta in forma di un gel mediamente denso che si presta particolarmente bene ad essere diluito: anche una piccola quantità riesce a lavare con soddisfazione le chiome più esigenti! Produce una morbida schiuma, si lascia massaggiare che è un piacere e sprigiona un profumino dolce e gradevole. Detto questo, i risultati sono stati altalenanti e non mi spiego il perché! Alcune volte la cute risultava perfettamente pulita (e sottolineo perfettamente!), altre no pur mantenendo sempre lo stesso modus operandi e gli stessi prodotti complementari! Allora si potrebbe pensare all’influenza di fattori ambientali o a ragioni proprie dell’organismo (che noi umani non possiamo comprendere), ma …da un giorno all’altro? Il mercoledì sto bene e la domenica seguente no? Mah! Ad ogni modo un gran bel bouquet per questo shampoo: Aloe Vera e Altea (lenitivi e riequilibranti), Calendula, Cetriolo e Alga Chondrus (azione decongestionante), ovviamente Cipresso (promotore del microcircolo), l’immancabile olio di Canapa, caratterizzante dei prodotti Verdesativa, idratante, nutriente e rivitalizzante, e tanto altro ancora!
 
E poi è arrivato il turno di uno shampoo su cui avevo messo gli occhi da tempo immemore! Avevo avuto modo di provare circa un anno fa uno shampoo Bioturm e mi aveva soddisfatta, sebbene fosse la linea più economica. Questo, invece, appartiene alla gamma di fascia alta, per così dire, per cui immaginavo sarebbe stato addirittura migliore!
In realtà non credo di aver fatto un ottimo affare, forse complici le grandi aspettative che nutrivo da mesi e mesi di corteggiamento del prodotto da bravo avvoltoio.
 
WP_20160724_12_27_32_ProSHAMPOO PER CUOIO CAPELLUTO SECCO N.15 BIOTURM  ml 200  €10,99 circa 
INCI- Aqua, Glycerin, Lac*, Alcohol, Decyl Glucoside, Sodium Lauryl Sulfoacetate, Betaine, Coco-Glucoside, Chondrus Crispus, Glyceryl Oleate, Glucose, Vanilla Planifolia Fruit Extract*, Citrus Aurantium Bergamia Fruit Oil
* certified organic
La caratteristica peculiare di questo shampoo, come per molti prodotti Bioturm, è la presenza in formula del cosiddetto complesso attivo latto-intensivo (<<Questo ingrediente viene creato attraverso la fermentazione del siero di latte biologico con un metodo brevettato e sotto condizioni stazionarie controllate. Questo processo converte le proteine e lo zucchero del latte in aminoacidi, acido lattico e sali>>). Per il resto un inci semplice con tensioattivi delicati, Muschio Irlandese, estratto di Vaniglia e o.e di Bergamotto.
Il suo profumo è delicato, gradevole: mi ha subito ricordato l’altro shampoo Bioturm provato lo scorso anno; la sua texture è in gel ed è piuttosto densa (zero fall-out!), si lascia lavorare in maniera semplice e produce una buona quantità di schiuma, anche senza diluirlo (a dire il vero mi pare di averlo usato quasi esclusivamente puro).
Il problema di questo prodotto è essenzialmente questo: è uno shampoo buono, ma non eccelle….né tantomeno risulta essere d’aiuto per le problematiche legate ad un cuoio capelluto secco (ossia il suo uso specifico!). Di conseguenza le aspettative sono state quasi completamente disattese e le sue performances sono state giudicate scarse! O meglio: di sicuro un ottimo shampoo per capelli e cute normali, senza alcuna particolare esigenza.
 
il conditioner
Il balsamo usato in questo periodo è stato l’adoratissimo ESSERE COCCO-VANIGLIA! Che, in verità, è una maschera (travestita da balsamo…)!
 
WP_20160724_12_28_00_ProMASCHERA VANIGLIA COCCO ESSERE  ml 250 €13,00
INCI- Aqua, Behenamidopropyl dimethylamine,Myristyl alcohol, Cetyl alcohol, Vanilla planifolia fruit extract, Cocos nucifera (Coconut) oil, Panicum miliaceum extract (*), Simmondsia chinensis (Jojoba) seed oil (*), Mentha piperita (Peppermint) oil (*), Eucalyptus globulus leaf oil (*), Hydrolyzed soy protein, Panthenol, Lactic acid, Benzyl alcohol, Glycerin, Potassium sorbate, Sodium benzoate, Sodium dehydroacetate, Parfum [Fragrance], Guar hydroxypropyltrimonium chloride

* da agricoltura biologica

Facilmente confondibile con un balsamo per la sua consistenza cremosa, questo prodotto inebrierà i vostri sensi con un profumo dolce e delizioso, che vorreste non risciacquare mai! E’ una crema vellutata dal colore paglierino, come già detto molto profumata, che ogni volta mi ricorda qualche cosa che io probabilmente ho usato ere geologiche fa (paleolitico?), ne sono sicura (sarà stata molto probabilmente una crema corpo)! Il suo prezzo è di fascia medio/alta ma quando ho visto già al secondo posto dell’inci il mitico e adorato condizionante Behenamidopropyl dimethylamine ho dovuto acquistarla, seguendo questo semplice ragionamento: <<se al terzo posto il B.D. fa magie, immaginiamo al secondo cosa sarà in grado di fare!!>>. In realtà così non è, e non chiedetemi il perché. Ha un buon potere ammorbidente ed è districante esattamente nella media, niente magie. Di sicuro è molto valido ed è particolarmente piacevole da usare, ma non è il migliore che abbia mai usato (punta d’amarezza). Nonostante tutto il costo verrà abbondantemente ammortizzato!

lo styling

Così come per la maschera, anche il prodotto utilizzato per lo styling l’ho usato per molto, molto tempo….ancor prima della routine illustrata in questo post!

WP_20160724_12_28_19_ProVEGETALL GELATINA ALL’HENNE’ PHYTOFILOS ml150 €9,90

INCI-Aqua [Water], Alcohol denat. (**), Lawsonia inermis (Henna) leaf extract, Hydroxyethyl ethylcellulose, Citric acid, Sodium benzoate, Lactic acid, Potassium sorbate, Sodium hydroxide

* da agricoltura biologica
** da molinatura di cereali, da agricoltura biologica

Quel che colpisce di questo gel è la sua texture liscia e vellutata, come pochi gel “naturali” riescono ad essere. Non l’ho acquistato per i riflessi rossi che dovrebbe donare, in quanto contenente Lawsonia Inermis, anche perché su un castano scuro come il mio ci vorrebbe ben altro per questo scopo!! Semplicemente volevo qualcosa per definire i ricci e mi è piaciuta l’idea di provare un prodotto a base di hennè, che fa sempre bene. L’unica cosa che m’impensieriva era l’alcool così in alto nell’inci ed infatti le mie paure si sono rivelate fondate: a lungo andare e dopo mesi di utilizzo, i miei capelli sono un po’ più secchi di quel che dovrebbero. Probabilmente sarebbe più indicato un uso non continuativo o comunque alternarlo con altri prodotti o ancora addizionarlo con qualche goccino d’olio!

Ebbene, una hair routine come tante ma non certo la più indicata alle mie attuali esigenze! Sono indubbiamente tutti ottimi prodotti, ma solo uno di essi è un possibile candidato al riacquisto, ossia lo shampoo di Verdesativa. Per il resto, tra alti e bassi, non siamo stati male insieme, in fondo, ma ora è bene che ognuno vada per la sua strada. Senza rancore. 
 

L.

 

Impacco per capelli felici ;)

Quando si parla di un impacco nutriente per capelli secchi, in genere si pensa ad una maschera cremosa oppure ad un impacco di oli e/o burri; personalmente non mi verrebbe in mente l’opzione “mix di erbe” anche se, a ben pensarci, dopo aver fatto l’hennè con tutte le aggiunte del caso, i capelli sono effettivamente morbidissimi e nutriti.

Da pochi mesi l’azienda tutta italiana Phitofilos sta sbancando con le sue erbe e i suoi singolari prodotti per capelli, che in generale m’incuriosiscono molto. La mia attenzione è stata catturata da un impacco emolliente per capelli secchi, costituito da svariate polveri con cui preparare la consueta pappetta da tenere in posa seguendo il principio “più resisti, meglio è”.

130920152828

Phitofilos Arte D’Erbe Impacco Emolliente

PHITOFILOS, ARTE D’ERBE – IMPACCO EMOLLIENTE 100gr €8,00 circa

inci: Plantago Lanceolata, Althea Ocinalis, Medicago Sativa, Linum Usitatissimum, Hordeum Sp, Avena Sativa
Le componenti di questo mix (piantaggine, altea, erba medica, lino, orzo ed avena) hanno tutte spiccate proprietà emollienti e idratanti per il capello, e riequilibranti del cuoio capelluto, oltre che offrire un apporto in aminoacidi, vitamine, sali minerali, mucillagini, in grado di ristrutturare i capelli secchi e sfibrati.
Si prepara in pochi minuti: ho deciso di dividere il contenuto in 2 applicazioni, dunque:
1. 50 gr di prodotto in una ciotolina (aperta la busta si viene investiti da un odore un po’ pungente…. <<bene…>>, ho pensato!)
130920152832
2. Si aggiunge acqua “bollente” e si mescola (con l’acqua ci vado sempre cauta! Si rischia di avere un composto troppo liquido e ancor più “sgocciolante” durante la posa! Per cui abbiate cura di versarla poco per volta)
130920152834
3. Si aggiungono 3 cucchiai di yogurt (in realtà 3 cucchiai è la quantità raccomandata per 100 gr, ma io l’ho lasciata invariata! Tutta salute!): nel mio frigo, su ben 21 vasetti di yogurt (li ho contati! giuro) non ce n’era neanche uno bianco, per cui ho ripiegato sul gusto “mirtillo”…
130920152835
 
Una volta preparato, ma a dire il vero già dalla sola aggiunta dell’acqua, l’odore cambia notevolmente e diventa davvero gradevole!! Al mio naso risulta quasi un sentore di the o di tisane…
130920152836
Ho lavato i capelli e distribuito su radici e lunghezze il composto (ho deciso d’indossare ugualmente i guanti perché anche semplicemente i residui terrosi nelle unghie sarebbero stati odiosi da lavar via!) ed ho avvolto la testa nella consueta pellicola trasparente.
Dovevo uscire per pranzo per cui l’ho tenuto in posa circa 2 ore, altrimenti è il genere di prodotto che mi sforzo di tenere più a lungo. Nonostante le mucillagini rilasciate, il composto ha sgocciolato un po’: sarebbe forse opportuno considerare di miscelarlo con il consueto gel di semi di lino, che tra l’altro donerebbe un surplus di nutrimento e morbidezza e contribuirebbe a rendere la pappetta meno acquosa!
Il risciacquo non è stato problematico (per chi fa l’hennè è ordinaria amministrazione): ho preferito fare un leggero shampoo dopo per essere sicura di aver pulito per bene la cute da qualsiasi residuo potesse provocare pruriti ed irritare in generale.
Il capello risulta morbido e lucidissimo, in qualche modo è come se rinnovasse l’effetto lucente dell’hennè (che soprattutto con il “NERO” di Khadì è molto evidente!).
La seconda tranche, un paio di settimane dopo, ha dato ancor più soddisfazione, anche se non ho apportato alcun cambiamento nella preparazione… solo il gusto dello yogurt 😉
Consiglio di indossare sempre e comunque abiti sacrificabili, perché il composto cola e un po’ macchia (un asciugamani che avevo appoggiato sulle spalle ne è stato irrimediabilmente segnato!). Ancora: se avete intenzione di applicarlo in posizione eretta davanti ad uno specchio, stendete dei fogli di giornale sul pavimento poiché sebbene sembri una pappetta cremosa e ben amalgamata, quando la distribuite sui capelli tende a “sbriciolarsi” con effetto apocalittico pioggia-di-meteoriti (io consiglio il buon vecchio metodo “a testa in giù nel lavabo”).
Non è un effetto talmente straordinario da rendere questo prodotto assolutamente irrinunciabile, ma per quel che mi riguarda è un’ottima alternativa per chi, come me, ha capelli secchi ma che rifiutano gli oli (anche se ben risciacquati ne risultano appesantiti). Se poi avete una certa attitudine all’intruglio potrebbe diventare una piacevole parentesi da concedersi almeno 1 volta al mese per completare la propria hair care routine (la spesa è assolutamente sostenibile!).
Personalmente rimango sempre più sbalordita dagli effetti e dai benefici che questi prodotti hanno sui capelli, nella loro semplicità. E sono convinta che riuscire ad utilizzarli più di frequente di quanto non faccia potrebbe aiutarmi a risolvere più di qualche problema. Ma, ahimè, il tempo è tiranno e la vita frenetica (in un mondo migliore avrei molto più tempo da dedicare a questi trattamenti… ma è anche vero che in un mondo migliore di certo non perderei i capelli….)
L.