L’anti-guida ai rossetti naturali

{… ovvero quel che io NON ricomprerei neanche sotto tortura.}

In genere, fateci caso, i post sono al positivo. É molto più comune e spontaneo stilare una classifica di prodotti da consigliare, di preferiti, di “mai più senza”. Ma le disavventure cosmetiche sono sempre in agguato e a seconda della quantità di sfiga del periodo, possono di gran lunga superare le belle scoperte.

Dovrei averlo detto già da qualche parte che mi sono messa in pausa di riflessione nei confronti degli acquisti make-up: uno perché consumare il trucco é cosa epica, due perché accumularne tanto senza riuscire a consumarlo mi mette ansia, tre perché non ho nessuna voglia né di accumulare né di angosciarmi.

La mia grande passione truccosa sono i rossetti rossi, lo sapete, e nel corso degli anni ne ho collezionati un bel po’….ma poi al mattino li passo in rassegna e mi rendo conto che alcuni sono risultati davvero pessimi e che, tornando indietro, quei soldini li avrei potuti risparmiare. La gestione di un rosso non è semplice come quella di altri colori e, passati i primi entusiastici gridolini iniziali, quel che resta é quantomeno un certo scetticismo.

Non ho niente contro i brands che citerò, né contro gli e-commerce che me li hanno venduti, né contro le influencer che me li hanno consigliati. Mi preme inoltre precisare che alcuni non sono dei NO assoluti, lo vedrete, semplicemente hanno rivelato alcune….come dire…. oggettive difficoltà di gestione che mi fanno tentennare dal tentare la sorte con una nuova colorazione, tutto qui.

WP_20200222_12_57_55_Pro

Partiamo bene direi,  perché se errare è umano…perseverare si sa…ed io ho dovuto acquistare ben 4 rossetti prima di realizzare che forse no, non facevano propriamente al caso mio. Le nuance, per amor di cronaca,  sono le n. 4, 7, 8 e 14…per carità sui colori niente da dire!  Quel che è universalmente noto dei rossetti PuroBio è l’aspetto un po’ sinistro del bullet che, lo vedete, appare sempre come se fosse congelato. Sono, ne converrete, estremamente pastosi ad effetto “gessetto” o “pastello a cera” il che non li rende semplici da gestire né durante l’applicazione,  né tantomeno nel corso della giornata.  Il rilascio di colore c’è a patto di riscaldare un attimo il bullet anche semplicemente a contatto con il calore delle labbra, ma non scorre mai facilmente e non risulta uniforme.  Il n.14 che ovviamente è il mio preferito purtroppo ha sviluppato questa superficie grumosa e frastagliata che rende il tutto dannatamente complicato: per carità, lontane dal contorno! Quindi, primo inevitabile consiglio: matita contorno labbra indispensabile,  un filo di burrocacao ma solo al centro e procedere a riempire col colore: il balsamo labbra vi aiuterà non poco per creare una superficie scivolosa e far scorrere i rossetti…Ma con parsimonia,  mi raccomando….e lontane dai bordi altrimenti vi ritroverete come Joker in men che non si dica! Durante la giornata, se possibile, va ancora peggio: il rossetto tende ad asciugarsi quindi il confine della mucosa si forma con evidenza abbastanza presto (ovviamente più un colore é scuro/intenso, più si vedrà). Se mangiate, poi, addio! E non sfregate il labbro superiore con quello inferiore come si fa dai tempi più remoti per ricompattare il rossetto! L’unico modo é ammorbidire il tutto con un velo di burrocacao e poi uniformare il colore, magari col polpastrello (pena: combinare un papocchio che non finisce mai)!

20200114_092514-COLLAGE

Tutta questa solidità si dimostra invece inefficace a livello di sbavature, che sono comunque dietro l’angolo. Dunque, ricapitolando: matita contorno labbra assolutamente indispensabile, burrocacao idem ma moderatamente e lontano dai bordi, polpastrelli puliti e ritocchi da effettuarsi con un minimo di privacy. A questo punto….cosa ne farò? I numeri 7 e (soprattutto) 14 continuerò ad usarli, o almeno ci proverò, perché nonostante tutto, i colori mi piacciono e quindi pace! L’8 potrei ancora tenerlo ma quel che é certo é che il 4 lo butterò: il tappo si è inspiegabilmente fuso e l’ultima volta che l’ho aperto, il bullet freezato si è catapultato fuori in un lancio degno della NASA. Ah, dimenticavo: fanno strato e si trasferiscono sui denti, per concludere in bellezza.

WP_20200222_12_58_50_ProNATURAVERDE BIO, parliamone. Contravvenendo al mio codice morale di comprare rossetti solo se in saldo e mai ad un prezzo superiore di €10 (le mie strane regole, lo so), mi sono regalata tempo addietro questo rossetto dal pack così irresistibile. Già, lo riconosco, essendo io schiava dell’estetica, mi sono fatta tentare da questa deliziosa fantasia floreale. Ben mi sta. Iniziamo col dire che, sfiga, il colore ROSSO non è proprio come una povera red-addicted si aspetterebbe. MATTONE sarebbe stato infinitamente più appropriato. Partiamo male. Se terrete il rossetto in borsa, poi, ed è inverno, ebbene….non risulta molto facile nella stesura. Se, invece, lo terrete a casa ad una temperatura più o meno vivibile scorre bene ed il rilascio colore é uniforme, sì. Il problema sta nella gestione durante la giornata. Sebbene contornato adeguatamente tende a uscire dai ranghi (che indisciplinato!!)e, al tempo stesso, seccarsi sulle labbra: non chiedetemi come diamine faccia! Si tratterà di un caso di bipolarismo cosmetico! Da un rossetto che sborda, notoriamente cremoso, di tutto ci si aspetterebbe fuorché impastarsi, no?! Il ritocco é dunque veramente arduo: ricostruire il contorno alla meno peggio e, come sopra, cercare con l’ausilio di un balsamo labbra di uniformare nuovamente il tutto, specie a ridosso della mucosa. Insomma….non ci siamo proprio. Ma da un rossetto che si spaccia per “rosso” ed è tristemente “mattone” non potevo aspettarmi niente di meglio. Lo consumerò come meglio posso, approfittando della stagione invernale per indossare questo colorino deprimente. Il pack invece, pur essendo in cartone (scelta non sempre felice) è solido e ben fatto, bisogna riconoscerlo.

Un capitolo a parte meritano quei rossetti con buoni ingredienti che continuo ad usare, potrei assolutamente ricomprare in altre colorazioni, ma che presentano delle oggettive difficoltà nell’applicazione oppure nella gestione del colore durante l’arco della giornata. WP_20200222_12_59_28_ProAd esempio il rossetto Ruby di Nouveau Cosmetics presenta qualche difficoltà: in questo caso è l’unico rosso della gamma che io abbia e potrebbe anche essere un difetto dato da questo colore in particolare, non lo posso escludere visto che non ho altri esemplari! Anche in questo caso la pasta del rossetto è molto compatta. Il colore è un rosso corallo molto acceso e al suo interno si percepisce una discreta quantità di bianco: questo rende la stesura poco uniforme a livello di colorazione che tra l’altro purtroppo evidenzia qualsiasi tipo di secchezza presente sulle labbra ed io in tutta onestà ne ho davvero poca, però quel poco si vede.

Secondo me bilanciato meglio il colore e reso un pochino meno acceso e chiaro dalla quota di bianco potrebbe essere arginato il problema stesso: comunque sia anche il Nouveau necessita di una base cremosa, soprattutto per rendere un pochino più uniforme la stesura e gestire il colore nell’arco della giornata; va detto che in ogni caso non tende mai ad uscire dai bordi, nonostante l’uso del burrocacao sotto che comunque vi ricordo è sempre in minima quantità. Il confine con la mucosa tende a vedersi dopo un po’ di ore e il ritocco, anche in questo caso, non è proprio una passeggiata e da farsi sempre davanti allo specchio e con l’aiuto di un burrocacao all’occorrenza, quindi vietatissimo riapplicare il rossetto sul rossetto secco. Nel corso delle ore anche in questo caso la pasta si asciuga e le labbra ne risentono non poco!

In definitiva … che cosa rende un rossetto naturale appetibile ed utile in tutti i suoi aspetti? Anzitutto il rossetto deve essere intenso come colore e uniforme specie se si prediligono colorazioni forti ed evidenti. Altrimenti se non volessimo questo ci orienteremmo su altro tipo di cosmetico, come un gloss oppure un balsamo labbra colorato; il rossetto non deve inoltre uscire dai bordi, perché questo è probabilmente l’effetto più terribile che si possa ottenere: se siete una donna sulla soglia degli anta capirete bene quanto sia insidiosa questa caratteristica in presenza anche di un accenno di codice a barre; bisogna che sia confortevole perché normalmente si tiene un po’ di ore addosso, quindi non deve seccare le labbra e soprattutto non deve creare quell’odioso accumulo a ridosso della mucosa che lo rende davvero ingestibile a volte. Vi prego, che non faccia strato, sia impalpabile e ben educato a rimanere al suo posto…

…chiedo troppo?

Per fortuna pare proprio di no in quanto qualcosa che rispecchi queste caratteristiche c’è…ma ne riparleremo!

to be continued…

L.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.